Bruno Fanciullacci

 Bruno Fanciullacci

Medaglia D’oro al V.M

«Reduce dal confino per morivi politici l’8 settembre 1943 iniziò la sua attività partigiana compiendo audaci atti di sabotaggio e temerari colpi di mano che disorientarono l’avversario

Arrestato una prima volta e ridotto in fin di vita dalle pugnalate infertegli dalla sbirraglia, veniva salvato dai compagni accorsi generosamente a liberarlo. Ripreso, ancora il suo posto di lotta, veniva nuovamente arrestato. Venuto a conoscenza che le S.S. nazi-fasciste erano in possesso di un documento compromettente 1a vita dei suoi compagni, tentava con somma audacia di saltare da una finestra per avvertirli del pericolo incombente su loro ma nel compier l’atto veniva raggiunto da una raffica di mitra che gli stroncava la vita

La morte del filosofo Gentile

Le torture e il suicidio.

Da patria indipendente l 31 marzo 2005

Per niente convincente ci appare l’ipotesi che la eliminazione di Gentile debba farsi risalire più o meno direttamente ad altri sommi docenti universitari, che si erano espressi anche duramente nei suoi confronti per la scelta compiuta, oppure a decisioni prese dal centro romano del PCI o, addirittura, a direttive provenienti dai comandi angloamericani, l’uno e gli altri impegnati in problemi di ben maggiore portata. Invece appare molto più attendibile e corrispondente alla situazione del momento, nonché alle caratteristiche organizzative dei GAP fiorentini, la dichiarazione di Luigi Gaiani, all’epoca responsabile militare del PCI a Firenze, fatta a chi scrive nella prima metà degli anni Settanta, secondo la quale la decisione di effettuare l’azione contro Gentile sarebbe stata presa in seno al comando militare comunista di Firenze nell’intento, di carattere esclusivamente politico, di contrapporre alle stragi terroristiche naziste – e proprio in quei giorni erano in corso i massacri di massa in Casentino – la capacità della Resistenza fiorentina di colpire anche una figura fonte di alto prestigio per la RSI e, nel contempo, di porre termine all’opera di disorientamento della gioventù e di quella parte del mondo della cultura ancora incerta delle sue scelte che di fatto era svolta dal filosofo. C’è infine da precisare – cosa, anche questa, troppo spesso dimenticata – che il dissenso sorto all’interno del CTLN tra il PCI da un lato, il PdA, la DC ed il PLI dall’altro a proposito di quest’azione fu una questione tutta locale e tale rimase: infatti mentre si possono comprendere le posizioni degli ultimi due partiti in virtù della loro impostazione moderata, quelle assunte dagli azionisti fiorentini – e rese pubbliche sul loro giornale La libertà – circa l’opportunità di eliminare il Gentile, a meno di ricondurle a rapporti culturali o amicizia con quest’ultimo, appaiono inspiegabili se si tiene conto dell’intransigente lotta contro il fascismo da essi condotta. Posizioni che non ebbero echi sugli altri organi azionisti pubblicati in Italia: l’unica presa di posizione sulla eliminazione del Gentile, di segno completamente diverso da quello del PdA fiorentino, apparve sull’edizione romana del periodico azionista L’Italia libera del 20 maggio 1944, n. 21; le altre edizioni dello stesso periodico, quella lombarda e quella piemontese, non dettero alcuno spazio all’avvenimento.

Anche negli ambienti più vicini al mondo azionista all’estero, in particolare negli Stati Uniti, l’episodio venne valutato come un atto di guerra, indipendentemente dalla personalità della vittima: sul numero del 1° maggio 1944 de L’Italia libera, pubblicata a New York, Enzo Tagliacozzo, studioso e antifascista assai vicino a Gaetano Salvemini, concludeva l’articolo “A proposito dell’uccisione di Giovanni

Gentile” con queste parole: «Gentile ha tradito la filosofia, ha tradito la cultura italiana, è stato un corruttore della gioventù italiana ed ha meritato di finire sotto le armi vendicatrici dei patrioti».

Poste queste premesse veniamo alla figura di Bruno Fanciullacci. Coloro che ne detraggono la figura poiché politicamente e culturalmente stanno ancora dall’altra parte della barricata è ovvio che non si domandino chi fosse il Fanciullacci e quali fossero le sue motivazioni, perché se lo facessero dopo si troverebbero in difficoltà a qualificarlo “assassino”; invece loro hanno bisogno dell’«assassino » per cercar di criminalizzare la Resistenza. Meraviglia, invece, che coloro che si sono profusi nelle molteplici ricostruzioni dell’avvenimento non abbiano tenuto nel dovuto conto il suo passato e la sua sorte, come se si potesse valutare una persona sulla base di una sua singola azione o di un periodo della sua vita.

Bruno Fanciullacci è l’esempio di uno dei tanti giovani cresciuti nel periodo fascista, per i quali il regime fu sempre la espressione di una realtà ostile. Nato a Pieve a Nievole nel novembre del 1919 da una coppia di fiorentini colà trasferitisi nel 1907, quarto di sei figli, Fanciullacci crebbe in una famiglia che rifletteva gli orientamenti socialisti fortemente marcati di libertarismo del padre, che aveva anche fatto parte degli “Arditi del Popolo” della zona. Questi, provetto artigiano fontaniere ma capace di svolgere altrettanto bene vari altri lavori, per alcuni anni poté vivere del suo lavoro, malgrado fosse noto a tutti come la pensasse, ma nel 1930, essendosi opposto alla bastonatura del padre di un esule politico, il fascio locale fece in modo che nessuno gli desse più lavoro; così nel 1932 i Fanciullacci dovettero tornare a Firenze.

Qui, si sistemarono in S. Spirito – uno dei quartieri più popolari, dove avevano casa e laboratorio tanti di quegli artigiani che avevano reso famosa la città, insorti nel 1921 contro il fascismo e piegato solo con l’impiego del cannone e dei primi mezzi corazzati – ed iniziarono il calvario per ottenere il libretto di lavoro, che veniva rilasciato solo a chi risiedeva nel comune per più di sei mesi: per i Fanciullacci occorsero due anni, poiché nessuno di essi aveva la tessera del PNF. Fu un periodo di ristrettezze estreme, che non mancò di lasciare il segno su Bruno che crescendo manifestava una intelligenza al di sopra della norma ed un personalità forte ed introversa. Anch’egli resto, come tanti ragazzi dei ceti popolari, dovette portare il suo contributo all’economia familiare: garzone da un lattaio per le consegne a domicilio, agli inizi dell’inverno del 1936 da solo si trovò un posto meglio retribuito presso un albergo del centro cittadino, prima come addetto agli ascensori, poi come aiuto alla reception. Era ormai divenuto un adolescente e, al pari di tanti suoi coetanei, avrebbe dovuto presto prendere parte ai corsi di premilitare, che il regime aveva reso obbligatori per giovani della sua età come tanti di essi Bruno, che era riuscito fino ad allora ad evitare l’inquadramento nelle organizzazioni giovanili del regime, cercò di sottrarsi al nuovo obbligo e riuscì ad escogitare una scappatoia, grazie al suggerimento di un compagno di lavoro.

Quest’ultimo era un’antifascista già a contatto con un gruppo di avversari del regime formatosi spontaneamente, che aveva iniziato un’efficace opera di propaganda contro il regime e si stava allargando,in virtù dell’adesione di tanti giovani; avendo avuto modo di apprezzare l’intelligenza e la serietà del ragazzo, lo fece entrare nella cospirazione e Bruno vi dedicò la sua intelligenza e la sua attività che ben presto lo misero in luce fra i suoi compagni. La polizia, messa in allarme dai volantini diffusi dal gruppo, non riusciva a individuarne i componenti, sia perché nello stesso tempo in città circolava la propaganda contraria al regime messa in circolazione da Giacomo Lumbroso – che era stato uno squadrista, distaccatosi però da tempo dal regime inizialmente per la sua intransigenza, poi per l’avvicinamento del fascismo al nazismo germanico e, infine, per il montare del razzismo antisemita – sia perché gli appartenenti al gruppo di cui faceva parte il Fanciullacci erano giovani che non avevano precedenti presso la polizia politica fiorentina.

La pratica venne allora assunta dall’OVRA, che fece ricorso ad uno degli stratagemmi più collaudati – l’infiltrazione di un agente provocatore – che, in virtù dell’inesperienza dei cospiratori, dette ancora una volta i frutti sperati. Inseritosi nell’organizzazione, il delatore consentì alla polizia di identificare tutti coloro che entravano in rapporti con lui, provocando l’arresto di 96 persone.

Bruno fu arrestato nella notte fra l’11 e il 12 luglio 1938, quando non aveva ancora compiuto diciannove anni, e rinviato a giudizio presso il Tribunale Speciale con 71 dei suoi compagni per organizzazione e propaganda antifascista. Malgrado la sua giovanissima età, durante gli interrogatori – e gli interrogatori dell’OVRA erano noti per la loro spietatezza – tenne un comportamento estremamente fermo, facendo solo ammissioni su aspetti secondari e solo in sede di confronto, tanto che i funzionari della polizia politica – dei quali si può dire tutto ma non che non fossero intelligenti e incapaci di valutare le persone – lo considerarono fin da allora un elemento “molto pericoloso” per la sicurezza del regime.

Condannato nell’aprile del 1939 a sette anni di carcere, Fanciullacci fu inviato a scontare la pena nel penitenziario di Castelfranco Emilia, dove si inserì nella vita del “collettivo” dei detenuti, chiarendo rapidamente il suo orientamento politico, concluso con l’adesione al PCI, e dedicandosi con grande passione a migliorare la sua preparazione politica e culturale. Le malsane condizioni del carcere ed il pessimo nutrimento incisero negativamente sul fisico del giovane, ancora in corso di sviluppo, al punto di costringerlo a richiedere agli inizi del 1942 il trasferimento in un carcere situato in zona montana. Così Bruno venne trasferito al carcere di Saluzzo, dal quale fu dimesso nel luglio del 1943, una ventina di giorni prima della destituzione di Mussolini, a seguito di un condono di due anni concesso in occasione della nascita di una principessa della casa reale.

Durante il periodo del governo Badoglio, Fanciullacci ristabilì i contatti con l’organizzazione comunista cittadina, cosa che non aveva fatto prima per ovvii motivi di prudenza, e dopo l’8 settembre, ricercato immediatamente dalla polizia, dovette entrare in clandestinità e fece parte di uno dei primi gruppi partigiani formatisi nei dintorni di Firenze. Lo scioglimento del gruppo di cui faceva parte, individuato e inutilmente attaccato dai nazifascisti, e i disagi della vita alla macchia, che riacutizzarono i problemi di salute contratti a Castelfranco Emilia, fecero comprendere a Bruno che non era adatto per la lotta sui monti così entrò afar parte dei GAP fino dal momento della loro costituzione, partecipando fin dall’inizio alle azioni da essi compiute, compresa quella contro Gentile, nella quale sostituì all’ultimo momento uno dei due compagni che dovevano eseguirla, riconosciuto da un occasionale passante.

  Pochi giorni dopo l’azione contro Gentile, il Fanciullacci fu catturato per una mera fatalità dai fascisti; riconosciuto e portato in una caserma di via della Scala, fu ripetutamente pugnalato al basso ventre a seguito del suo rifiuto di parlare, causandogli ferite che costrinsero i suoi seviziatori a farlo internare all’ospedale nella speranza di poter riprendere gli interrogatori appena migliorate le sue condizioni. Ricoverato nell’ospedale provvisorio che aveva sede nell’Istituto tecnico per ragionieri “Galilei” di via Giusti, piantonato giorno e notte, Fanciullacci venne curato dal primario prof. Greco, già in contatto con la Resistenza, che ne prolungò la degenza per cercare di non riconsegnarlo ai nazifascisti ed infatti i gappisti, con un’azione spericolata, riuscirono a portarlo via, lo nascosero in varie case sicure, fra cui quella del pittore Ottone Rosai, e lo fecero curare clandestinamente dal dott. Filippelli.

 Bruno Fanciullacci – Un dipinto del pittore Ottone Rosai

Appena guarito Fanciullacci riprese il suo posto di lotta, ma in quegli stessi giorni l’organizzazione gappista fiorentina cadeva quasi al completo nelle mani del nemico e Fanciullacci, nuovamente catturato, venne portato a villa “Triste”, dove, per evitare il rischio di cedere alle torture, si gettò da una finestra del terzo piano, procurandosi gravissime ferite che dovevano portarlo alla morte dopo alcuni giorni di agonia, durante i quali non aperse bocca; solo alla fine sussurrò il suo nome di copertura e l’indicazione che abitava a Porta Romana, preoccupato anche in fin di vita di non mettere in pericolo né famiglia, né compagni.

Era il 17 luglio 1944, tre settimane prima dell’arrivo degli Alleati:

Bruno non aveva ancora compiuto venticinque anni.

——-

Per dati più completi su Bruno Franciullacci consultare

I libri

Gianni Zingoni – La lunga strada

Vita di Bruno Fanciullacci

Nuova Itala editrice

Aldo Fagioli – Partigiano a 15 anni

Alfa edizioni Firenze

Carlo Francovich – La Resistenza a Firenze

La nuova Italia

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 25 agosto 2011, in La lotta partigiana a Firenze con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: