Giulio Stocchi – La cantata rossa di Tall el Zaatar

Cose proibite

Terra, suolo, tesoro…La mia storia a saccheggio.

Saccheggio d’ossa di padri,

avi proibiti, come perdonare?

Verdi villaggi, ruderi sgraziati,

mattoni accesi nel sangue,

una forca non li vale.

Qualcuno resta, nel collo

le loro zanne conficcate,

ci restano le unghiate.

Non raccontare… non mi raccontare!

sono stati dispersi i cimiteri,

a saccheggio la morte.

Tawfiq Zayyad


La Cantata Rossa di Tall el Zaatar

Giulio Stocchi

Ma che nessuno

nessuno dico

che nessuno pianga!

Non una lacrima

dalle terre segrete

del nostro dolore

non una lacrima!

Perchè in piedi

in piedi sono morti

Che nessuno pianga!

In piedi

accanto al pozzo

e alle radici del pane

Che nessuno pianga!

In piedi

fra le stagioni testarde

del loro lavoro

Che nessuno pianga!

In piedi

con le scarpe indosso

e con fucili

Che nessuno pianga!

In piedi

da barricate

parlando alle stelle

Che nessuno pianga!

In piedi

con gli occhi fissi

ai fiumi di Palestina

Che nessuno pianga!

In piedi

tracciando strade immense

verso il ritorno

Che nessuno pianga!

In piedi

con doni di speranza

ai bimbi del futuro

Che nessuno pianga!

In piedi

Ahmed

Fathma

Ibrahim

in piedi

Mervath

Abeth

Leila

in piedi

Youssef il nonno

e il piccolo Fadh

che aveva tre anni

in piedi

ognuno dei trentamila

di Tall el Zaatar

e che nessuno

nessuno dico

che nessuno pianga!

Non una lacrima!

Perchè vedete?

Li hanno scacciati

dalla loro terra

e dal loro sogno

li hanno dispersi

li hanno rinchiusi

nei campi

gli hanno messo un numero

chiamandoli profughi

li hanno venduti

su tutti i mercati

e quando hanno preso il fucile

“Banditi!” hanno gridato

e li hanno uccisi

torturati

massacrati

divisi

e gli hanno detto

“Tu non avrai patria!”

ed essi in piedi

con la loro statura

abitano il mondo

abitano il mondo

abitano il mondo!

Note*

Tall el Zaatar, la Collina del Timo, era un campo palestinese situato nella zona est di Beirut, nel quartiere di Ashrafieh, controllata dalle milizie della destra libanese e dalle forze delle bande cosiddette cristiane. Allo scoppio, il 10 aprile 1974, della guerra civile frala coalizione di palestinesi e musulmani progressisti libanesi da una parte e fascisti e destre cristiane dall’altra, il campo fu ripetutamente bombardato, riuscendo però a resistere per più di due anni. La sua sorte fu segnata dal tradimento del presidente siriano Hafez el Assad il quale, con il pretesto di difendere i palestinesi, schierò i suoi carri armati attorno al campo, appoggiando di fatto le destre libanesi nel timore che una possibile vittoria della coalizione progressista libano-palestinese alterasse gli equilibri della regione. Messo a ferro e fuoco per 53 giorni, Tall el Zaatar  cadde il 12 agosto 1976 quando i falangisti, che il giorno prima avevano firmato un trattato di tregua, garantito dai siriani, entrarono nel campo col pretesto di evacuare donne e bambini e compirono una strage in cui morirono migliaia di persone.

Le giovani del campo, scampate al massacro, vennero condotte alle caserme di Asharafieh come premio per l’eroismo dei soldati.

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 12 febbraio 2014, in Le Poesie con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: