di David Irdani, – Deportazioni a Montelupo

Deportazioni a Montelupo
di David Irdani, 9-4-2006, Creative Commons – Attribuzione 3.0.

Il 4 Marzo 1944 ad Empoli l’adesione allo sciopero generale nazionale contro la guerra fu massiccia.
I lavoratori del vetro, le fiascaie e molti mezzadri della zona diedero vita ad una grande manifestazione per le vie della città di Empoli. La grande novità fu quella della presenza del mondo contadino che fino a quel momento era rimasto fuori dalle grandi battaglie sociali contro il fascismo. Inoltre ci fu l’appoggio politico e militare del CLN toscano che, con i molti partigiani armati, protesse il corteo per tutta la sua durata da eventuali repressioni squadriste.
Le autorità Tedesche e fasciste decisero di dare una risposta esemplare a questo "successo" popolare portando a termine nei giorni tra il 4 e 8 Marzo azioni di rastrellamento in tutta la zona.
A Montelupo Fiorentino le pattuglie della Guardia Nazionale Repubblicana e i Carabinieri entrarono verso mezzanotte del 7 Marzo per ricercare gli antifascisti comunisti, cattolici, ma anche quella piccola borghesia che si era espressa (anche se non radicalmente) contro il sistema fascista.

Furono arrestate 30 persone tra cui pochi con ruoli "politici" di opposizione al regime, ma molte persone con ruoli di riferimento per la popolazione come il medico di paese, il barbiere o l’impiegato dell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario. Questo a rimarcare la "lezione" esemplare a tutta la comunità locale.

Gli arrestati il giorno seguente furono portati alla Stazione di S.M. Novella di Firenze per essere caricati su uno dei molti treni blindati verso Mauthausen.
Nove persone riuscirono per varie circostanze a non partire, ma per ventuno di loro il viaggio verso l’Austria e la sofferenza fu inevitabile. Solo quattro persone saranno liberate dal campo il 5 Maggio 1945.
Dalla testimonianza di Aldo Rovai, sopravvissuto a Mauthausen:
"Noi (…) non si era mai sentito parlare di questi campi (…).

Di fare quella fine non ci si aspettava, sennò quando eravamo in autobus per andare a Firenze si poteva tentare di scappare. Alcuni di noi volevano scappare, ma un’altra parte diceva, non abbiamo fatto niente al massimo ci porteranno a lavorare."

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 19 aprile 2015, in Ricordi per non dimenticare con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: