Agostino Neto – Il massacro di San Tomè

Agostino Neto
(Poeta Angolano)
Il massacro di San Tome,

"È successo quando l’Atlantico
restituiva i cadaveri
ora dopo ora
Avvolti nei fiori bianchi delle onde
e nell’odio incontrollato delle fiere
per il sangue rappreso della morte
*
Le spiagge si riempivano di corvi e di sciacalli
voracemente affamati di carni a brandelli
sulla sabbia
Della terra bruciata dal terrore di secoli
in catene
Il paese che si diceva verde
Quel paese che i bambini chiamano ancora verde speranza
*
È successo quando i corpi i corpi s’imbevevano nel mare
di vergogna e di sale
Nelle acque sanguinanti di desideri
E di debolezza
*
Fu allora che, negli occhi infocati,
ora il sangue,
ora la vita,
ora la morte
Abbiamo trionfalmente sepolto i nostri morti
E sulle tombe
Abbiamo reso onore al sacrificio degli uomini,
Per l’amore,
Per l’armonia,
*
Per la nostra libertà
Anche davanti alla morte
ora per ora
Nelle acque insanguinate
Anche nelle piccole sconfitte
subite per la vittoria
per noi la verde terra di San Tome
Sarà anche l’Isola dell’amore"
Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 28 settembre 2015, in Le Poesie con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: