Don Giuseppe Bertini

La Loro vita per la nostra Libertà
Don Giuseppe Bertini
Nato a a Pisa il 1 agosto 1916, fucilato nel rione Quercioli di Massa il 10 settembre 1944, sacerdote, Medaglia d’oro al merito civile alla memoria.
Ordinato sacerdote nel 1941, don Bertini divenne, nel 1943, parroco di Molina di Quosa (Pisa). La canonica nella Valle del Serchio diventò, dopo l’armistizio, punto di riferimento per chi fuggiva dai nazifascisti o di chi, semplicemente, aveva bisogno di vettovaglie o di altri generi di conforto. Allorché, il 31 agosto del 1944, Molina di Quosa fu al centro di un rastrellamento, il parroco (per evitare che i tedeschi trovassero, nell’abitazione del sacerdote, alcuni uomini che vi si erano nascosti), si offrì ai soldati per aiutarli.

Il prete dovette così trasportare casse di munizioni per i nazisti, che poi lo condussero nel carcere del castello di Malaspina, a Massa. Qui don Bertini fu, per giorni e giorni, interrogato perché ammettesse che i suoi parrocchiani, "rastrellati" a Molina di Quosa, facevano parte della Resistenza. Il sacerdote continuò a negare e pagò con la vita il suo silenzio.
Nell’aprile del 1965, l’allora Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat ha decretato, alla memoria di don Bertini, la Medaglia che ha questa motivazione: "Nominato parroco di una borgata nel settembre del 1943, dedicò tutte le sue giovani energie all’alto ministero. Durante il periodo più burrascoso dell’occupazione nemica, incurante del gravissimo rischio personale, si prodigò incessantemente e infaticabilmente – tra i continui bombardamenti e gli spietati rastrellamenti – in mirabile opera di assistenza materiale e spirituale: organizzò servizi di raccolta di pane e viveri, aiutò i partigiani, curò feriti, accorse dove maggiore era il pericolo, perché al suo gregge non mancasse il conforto della sua parola e dei sacramenti. Arrestato dall’invasore, venne sottoposto a maltrattamenti e sevizie, che sopportò con dignità ed eccezionale fermezza; affrontò, infine, con esemplare serenità e sublime coraggio, il plotone di esecuzione, pronunciando parole di perdono per i suoi carnefici".

Il parroco di Molina è ricordato nel Parco della Resistenza del Monte Brugiana a Bergiola Maggiore (MS).

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 1 dicembre 2015, in Dettero la loro vita per la nostra Libertà con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: