Manfredo Bertini

La Loro vita per la nostra Libertà

Manfredo Bertini

Nato a Montecarlo (Lucca) nel 1914, caduto nel Piacentino il 24 novembre 1944, tecnico cinematografico, Medaglia d’oro al Valor militare alla memoria.

Iscritto all’Università di Pisa, si era già imposto nell’ambiente cinematografico come tecnico della fotografia e del montaggio. Dopo l’8 settembre 1943 fu tra i primi organizzatori, con il nome di battaglia di "Maber", della resistenza partigiana in Toscana. Comandante di un gruppo combattente della Divisione "Giustizia e Libertà" operante nella zona Viareggio-Alpi Apuane, il 5 marzo 1944, arrestato dai fascisti, riuscì ad evadere. Nella primavera del 1944, Bertini raggiunse l’Italia liberata e – così come aveva già fatto la cognata Vera Vassalle– entrò nel Servizio informazioni degli Alleati.
Dopo un rapido addestramento fu paracadutato in provincia di Piacenza. "Maber" riuscì in breve tempo a trasmettere al Comando alleato oltre duecento preziosi messaggi sui movimenti delle truppe tedesche, collaborando anche all’attuazione di numerosi aviolanci. Incappato, con i partigiani della Divisione Piacenza, in un massiccio rastrellamento, febbricitante e indebolito dai postumi di una ferita subita, sapendo che i suoi compagni non l’avrebbero lasciato solo, decise di distruggere la ricetrasmittente e (dopo aver scritto un nobile biglietto ai suoi famigliari), di farsi saltare con una bomba a mano.
Nella motivazione della ricompensa al valore si ricorda, tra l’altro che "combattendo a fianco di un gruppo di patrioti rimaneva gravemente ferito e parzialmente paralizzato ad un braccio. In altra violenta azione contro soverchianti forze nazifasciste dopo essersi strenuamente difeso, esaurite le munizioni, immolava la sua giovane vita per la rinata libertà della Patria"
Per onorare la memoria di Manfredo Bertini, l’Ateneo pisano gli ha conferito, il 4 novembre 1945, la laurea "ad honorem". Il sacrificio di "Maber" è ricordato anche nel monumento che – alle Aie di Busseto a Pecorara (PC) – è stato eretto in memoria dei Caduti partigiani.

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 8 gennaio 2016, in Dettero la loro vita per la nostra Libertà con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: