Anonimo – Briganti neri

clip_image002

Anonimo

Briganti neri

Quei briganti neri
E quei briganti neri mi hanno arrestato,
in una cella scura mi han portato.
Mamma, non devi piangere per la mia triste sorte:
piuttosto di parlare vado alla morte.
*
E quando mi han portato alla tortura.
legandomi le mani alla catena:
Tirate pure forte le mani alla catena,
piuttosto che parlare torno in galera.
*
E quando mi portarono ai tribunale
dicendo se conosco il mio pugnale:
Sì sì che lo conosco, ha il manico rotondo,
nel cuore dei fascisti lo cacciai a fondo.
*
E quando l’esecuzione fu preparata,
fucile e mitraglie eran puntati,
non si sentiva i colpi, i colpi dì mitraglia,
ma sì sentiva un grido: Viva l’italia!
*
Non si sentiva i colpi della fucilazione,
ma si sentiva un grido: Rivoluzione!

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 11 febbraio 2016, in Canti Partigiani con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: