Don Elio Monari

per la libertà

Don Elio Monari
Medaglia d’Oro al Valor Militare
Nato a Spilamberto (Modena) il 25 ottobre 1913, trucidato a Firenze nel luglio del 1944, sacerdote,
Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

Di famiglia contadina, era stato ordinato sacerdote nel 1936 ed aveva cominciato ad insegnare Lettere all’Istituto San Carlo di Modena. Dopo l’armistizio, don Elio fu tra i primi a Modena ad impegnarsi nella Resistenza, nel ruolo che meglio gli si confaceva: prestare aiuto ai militari italiani sbandati, agli ex prigionieri alleati, agli ebrei e ai patrioti che stavano per essere deportati in Germania. Ben presto il sacerdote si trovò a capo di un’organizzazione clandestina, ramificata dalla Svizzera a Roma, che riuscì a portare in salvo diecine e diecine di persone. Don Elio riuscì ad operare, senza destar sospetti, sino al febbraio del 1944, quando, con l’aiuto di medici ed infermieri, riuscì a far evadere dall’Ospedale civile di Modena un partigiano ferito che vi era ricoverato: il maestro Alfeo Martini, con un abito talare portato dal sacerdote, riuscì ad eclissarsi, ma l’attenzione della polizia fascista finì su don Elio, che qualche mese dopo dovette lasciare Modena e rifugiarsi in montagna. Qui don Monari divenne cappellano partigiano della Brigata "Italia", anche se non disdegnava di prestare il suo sacerdozio presso tutte le formazioni partigiane con le quali veniva in contatto. Fu proprio questa sua pietas a perderlo. Il 5 luglio del 1944, durante un rastrellamento e negli scontri che ne seguirono, un ufficiale tedesco era caduto, gravemente ferito, a poca distanza da una postazione partigiana, Don Elio uscì allo scoperto e raggiunse il soldato nemico morente per amministrargli i sacramenti. Il prete stava ancora confortando il moribondo quando i nazifascisti lo catturarono. Tradotto da Pievelago a Firenze nella famigerata "Villa Triste", don Monari vi fu torturato per dieci giorni. Poi si suppone sia stato eliminato con altri partigiani, dei cui corpi non è stata trovata traccia. L’ultimo indizio su don Elio: una tonaca, notata da una donna che il 16 luglio era andata in via Bolognese, dove stanziavano i fascisti della Banda Carità; l’abito talare era stato gettato tra le immondizie.
Tratto da,
Religiosi nella Resistenza

http://www.anpi.it/
Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 3 marzo 2016, in Per la Libertà nel nome di Dio con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: