Andrea Liparoto – Partigiani vene di pace

Andrea Liparoto

Partigiani vene di pace

Sono stato

armi

per

togliervi

la follia

di farlo

E quel

sangue

ancora

urla,

ancora

mi scrive

addosso

la forza di

raccontarvi

quei cuori

di montagna,

di imbracciare

quel

sogno

di vivere

e spararlo

dappertutto

***

Ci hanno sparato la loro fine

Nessuna paura

può sperarci

fermi

nessun ordine

legarci

a un’altra

storia

Siamo

vene

nate

come

nasce

stringersi

fino al

ventre

del coraggio

davanti

alla falsità

della vita,

a un fucile

puntato

che si sbriga

di ferocia,

di sporca

idiozia

Ci hanno

sparato

la loro

fine

***

Al Comandante partigiano Nello Quartieri

La morte

è solo

un volo

di pelle

comandante,

sei un mondo

d’occhi

fioriti

del canto

d’un coraggio,

dell’unica

liberazione

***

La morte viva di una staffetta

Avete strappato

la pelle

non il cuore

di questi occhi

Avete goduto

un momento,

io sono

l’eternità

della vostra

fine

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 9 luglio 2016, in Le Poesie con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: