Ho Chi Minh – Diario dal carcere–L’arresto

Ho Chi Minh
Diario dal carcere

L’arresto
Ho scalato montagne,
superate le vette
le vie della pianura
son più dure a percorrere!
Le tigri, su pei monti,
non m’hanno mai assalito:
ma qui ho incontrato
un uomo ed ecco
che m’arresta.
Sono il rappresentante
di un Vietnam nuovo e libero
vo a visitare i capi
di un paese fratello.
L’oceano ha forse invaso
tutte le nostre terre?
Vedo che mi si onora
buttandomi in galera!
Io sono un uomo onesto,
dall’animo sereno
mi si sospetta d’essere
un cinese nemico!
Lo so che la mia vita
è piena di pericoli
viver la propria vita
è sempre più difficile.

*

La marcia

Cinquantatré chilometri
di marcia
un sol giorno
cappello, abito zuppo,

calzature a pezzi

in più senza sapere
dove si può dormire.
Accanto alle latrine
sto aspettando l’aurora.
Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 25 luglio 2016, in Ho Chi Min - Diario dal Carcere con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: