Anonimo – Pagina delle Muse

pugno
Anonimo
La pagina della … Musa.
Questi dattilografi!?!?!?!

La dattilografia è certo un bel mestiere,
si batte con le dita e si resta a sedere.
Ma qui al Comando Unico, per contentarli tutti,
bisogna far buon viso e pigliar dei farabutti.
*
Qui Monti vuol le linee, i punti un po’ in dentro,
l’oggetto e il protocollo spostati verso il centro.
Qui Miro preferisce la lettera inquadrata,
l’intestazione a manca o un po’ più in su la data.
*
C’è Berel responsabile all’ufficio informazioni
si cura della firma, non dell’intestazione.
Arriva tosto Aldo, ci prega vivamente
di far ben attenzione a non ometter niente.
*
E Febo (perdonate! M’ero dimenticato)
mette sì il soggetto, ma lascia il predicato.
Roberto, calmo e esplicito, munito di pazienza,
è quel che più transige … fa parte all’Intendenza.
*
Ed ecco il singor Guido (inver non canta male)
"necessita urgentissima la spesa decadale".
Gianni Vice Intendente al Comando neo arrivato
omette gli indirizzi pel … desco apparecchiato.
*
Già! Sacchi vuol la copia come l’originale
"Ferma! Metti la data: se no così non vale".
Tamara, rompiscatole, per ripartire il lancio
ti mette sotto a scrivere, ti fa saltare il rancio.
*
Sapete voi la nuova? Anch’io quasi casco:
arriva per l’elenco il Parroco … Don Vasco.
Oh! già voi perdonate (m’ero dimenticato)
abbiamo molti amici anche al … Commissariato.
*
E quando hai cenato e andresti anche a dormire
ecco che un seccatore "due righe, vuoi venire?"
È il caro Albertina che chiede innovazioni
ai gradi stabiliti per gli alti caporioni.
*
L’oggetto, la minuta, il protocollo avente,
è giusto? Sì. Va bene? ti pigli un accidente.
… E tanti e tanti ancora, che col sorriso aperto
ti fanno lavorare e ti fregan di concerto.
*
Le macchine camminano, si fermano i tranvai,
ma in sede di scrittura non ci si ferma mai.
Speriam con tutto il cuore che i tedeschi vadan via
così entrerà in servizio la tipolitografia.
*
Nessuno se ne offenda, ma rida e sia sereno
di quel che qui han scritto Rameris, Mas, Veleno.
Se non son ben scritte, mal non ci giudicate
deh’ non chiediamo molto … un poco di pietate.Tratto da
Poesia clandestina della Resistenza – Antologia dei …

Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 21 agosto 2016, in Le Poesie con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: