Trilussa – Le Bestie e er crumiro

Trilussa
Le Bestie e er crumiro

Una volta un Cavallo strucchione
ch’ogni tanto cascava pe’ strada
scioperò pe’ costringe er Padrone
a passaje più fieno e più biada:
ma er Padrone s’accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro

Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
– Me dispiace ma proprio nun posso….
Er Padrone, pe mette un riparo,
fu costretto a ricorre ar Somaro.
– Nun po’ sta’ che tradisca un compagno-
dice er Ciuccio – so’ amico der Mulo
Come vòi che nun sia solidale
Se ciavemo l’istesso ideale?

Chiama l’Omo, e sta’ certo che quello
fa er crumiro co’ vera passione
per un sòrdo se venne er fratello,
Pe’ du’ sòrdi va dietro ar padrone.
finchè un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega
Annunci

Informazioni su toscano

Io Nato Io fui nel secolo passato, circa ventinovemilacinquecentosettantacinque giorni o giù di li Città tu se’ la Venere Firenze Patria dell’Allighier, salve, e mia Patria Allor che a salutar venni col pianto La valle de lo giglio, ed alla vita De ‘l sole i raggi ailluminar lo mondo

Pubblicato il 13 dicembre 2017, in Poesie - Trilussa con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: