Paul Celan – Schibbolet

Paul Celan
Schibbolet

Assieme alle mie pietre,
nutrite con il pianto
dietro le sbarre,
mi strascinarono
al centro del mercato,
là dove
si dispiega la bandiera
cui io non prestai giuramento.
Flauto,
doppio flauto della notte:
pensa all’oscuro
gemello rosseggiare
a Vienna e Madrid.
Metti a mezz’asta la tua bandiera,
memoria.
A mezz’asta
per oggi e per sempre.
Cuore:
fatti conoscere anche qui,
qui, al centro del mercato.
Gridalo, lo Schibboleth,
nella patria estraniata:
Febbraio. No pasaran.
Einhorn:
tu ben conosci le pietre,
ben conosci le acque,
vieni,
io ti porto laggiù,
ti porto alle voci
di Estremadura.
Annunci

Egidio Meneghetti – "Misha" Seifert e di Otto Sein

Egidio Meneghetti
"Misha" Seifert e di Otto Sein
E sempre, note e giorno,
i du Ucraini,
Missa e Oto,
che iè del’Esse-Esse.

Nel bloco dele cele come Dio
comanda i Ucraini Missa e Oto:
el tormento de tuti ghe va drio
e quando i ciama tuti se fa avanti
e quando i parla scolta tuti quanti
e quando i tase tuti quanti speta
e le done spaise le le fissa
come pàssare fa cola siveta.

Le man de Missa
vive par so conto.
El g’à vint’ani
co’ ‘na rossa schissa
sensa pél da sinquanta,
la crapa tonda coi cavei rasà
invanti la se pianta
sensa col,
e le mane… le mane… quele mane…
Querte da mace nere e peli rossi,
coi dedi desnoseladi, longhi, grossi,
che termina a batocio,
anca quando ch’el dorme o no’l fa gnente,
piàn a piàn le se sèra, le se strense,
le se struca, le spàsema in convulso,
se fa viola le onge, s’cioca i ossi
e deventa sponcion i peli rossi.
Ma po’ tuto de colpo le se smola,
le casca a pingolón, sfinide, rote,
i déi se fiapa come bissi morti
e continua sta solfa giorno e note
e tuti se le sente intorno al col.
(…)
Un furlàn magro biondo
co’ ‘na bocheta rossa da butina:
l’avea tentà de scapàr via dal campo
e l’é finido nela cela nera.

Tri giorni l’à implorado
Missa e Oto,
tri giorni l’à sigà
"No voi morìr",
tri giorni l’à ciamado
la so mama.

E nela note avanti dela Pasqua
s’à sentido là drento un gran roveio,
come de gente
che se branca in furia
e un sigo stofegado in rantolàr.

Ma dopo no se sente
che ‘n ansemàr
pesante e rauco e ingordo
come quando a le bestie del seraglio
i ghe dà carne cruda da màgnar.

L’è Pasqua. De matina. E lu l’è in tera
lungo tirado
duro come’l giasso:
ocio sbarado
nela facia nera,
nuda la pansa, cola carne in basso
ingrumada de sangue e rosegà.

Nela pace de Pasqua tase tuti.
Imobili. De piera.
E nela cela nera
tase el pianto de Bortolo Pissuti.
(…)

Stanote s’è smorsada l’ebreeta
come ‘na candeleta
de seriola
consumà.

Stanote Missa e Oto
ià butà
nela cassa
du grandi oci in sogno
e quatro pori osseti
sconti da pele fiapa.

E adesso nela cassa
ciodi i pianta
a colpi de martèl
e de bastiema
(drento ale cele tuti i cori trema
e i ciodi va a piantarse nel servèl).

E a cavàl dela cassa
adesso i canta
esequie e litamie:

" heiliges Judenschwein
ora pro nopis,
zum Teufel Schweinerei
ora pro nopis "

Stanote s’è smorsada l’ebreeta
come ‘na candeleta
de seriola
consumà.

Quel giorno che l’è entrada nela cela
l’era morbida, bela
e par l’amór
maura,
ma nela facia, piena
de paura,
sbate du oci carghi de’n dolór
che’l se sprofonda in sècoli de pena.

I l’à butada
sora l’ tavolasso,
i l’à lassada sola,
qualche giorno,
fin tanto che ‘na sera
Missa e Oto
i s’à inciavado nela cela nera
e i gh’è restà par una note intiera.

E dala cela vièn par ore e ore
straco un lamento de butìn che more.

Da quela note no l’à più parlà,
da quela note no l’à più magnà.

L’è là, cuciada in tera, muta, chieta,
nel scuro dela cela
che la speta
de morir.

Sempre più magra la deventa e picola,
sempre più larghi ghe deventa i oci.
(…)

Dylan Thomas – Sognai la mia genesi

Dylan Thomas

Sognai la mia genesi

Sognai la mia genesi nel sudore del sonno, bucando
Il guscio rotante, potente come il muscolo
D’un motore sul trapano, inoltrandomi
Nella visione e nel trave del nervo.
Da membra fatte a misura del verme sbarazzato
Dalla carne grinzosa, limato
Da tutti i ferri dell’erba,metallo
Di soli nella notte che gli uomini fonde….

Bertold Brecht – Ballata del sapere

Bertold Brecht
Ballata del sapere
Il poveraccio sgobba notte e giorno:
quel che gli manca, suda e non ce l’ha,
e quel che ha, cioè i suoi guaì, si tiene.
Questo perché? Ma perché nulla sa!
Chi un cavallo possiede è cavaliere,
chi non ce l’ha, schiacciato finirà.
Dalla scienza dipende ogni mestiere
perché il guadagno è sempre di chi sa.
*
Quando capisco, io, piccolo mercante,
che farla ai pescecani non si può,
mi strappo i peli dalla zucca, e penso
se pescecane mai diventerò.
Lui sa quel che da secoli la gente
per la pagnotta e un calcio ha fatto e fa:
il suo compenso è di non far mai niente:
ha il suo guadagno; è lui quello che sa.
*
Chi sente, per esempio male ai reni
al dottore la groppa mostrerà.
Il malato se n’esce a quattro zampe
ma prima paga: è il medico che sa.
Sa il nome del malanno, e sa il contante
che ha tolto a un altro tale poco fa.
Si chi non sa rimane un mendicante,
mentre il guadagno è sempre di chi sa.
*
Nell’amore ci sono due destini:
se l’uno è amato, l’altro lo amerà.
Ad uno toccan gioie, all’altro pene,
l’uno dà, l’altro prende: così va.
Copriti il viso quando avvampa, e il cuore
non mostri mai lo strazio che ti dà.
Tu muori, se un coltello dai al tuo amore:
i guadagna, se l’ami, e lui lo sa.
e

t$

Paola Garelli (Mirka)


È destino dei popoli che il loro cammino

verso la libertà e la giustizia sociale sia

segnato dal sangue dei suoi martiri,

forse perché questo cammino non sia smarrito,

ma chi muore per una causa giusta, vive sempre

nel cuore di chi per questa causa si batte.”

Paola Garelli (Mirka)

Di anni 28 – pettinatrice – nata a Mondoví (Cuneo) il 14 maggio 1916 -. Dall’ottobre ’43 svolge a Savona attività clandestina – entrata a far parte della Brigata S.A.P. « Colombo », Divisione « Gramsci », assolve compiti di collegamento e di rifornimento viveri e materiali per le formazioni operanti nei dintorni della città -. Arrestata nella notte tra il 14 e il 15 ottobre 1944 nella propria abitazione di Savona, ad opera di militi della Brigata Nera – tradotta nella sede della Federazione Fascista di Savona -. Fucilata il 1o novembre 1944, senza processo, sul prolungamento a mare della Fortezza di Savona, da plotone fascista, con Giuseppe Baldassarre, Pietro Casari, Luigia Comatto, Franca Lanzone e Stefano Peluffo.

Mimma cara,

la tua mamma se ne va pensandoti e amandoti, mia creatura adorata, sii buona, studia ed ubbidisci sempre gli zii che t’allevano, amali come fossi io.

Io sono tranquilla. Tu devi dire a tutti i nostri cari parenti, nonna e gli altri, che mi perdonino il dolore che do loro. Non devi. piangere né vergognarti per me. Quando sarai grande capirai meglio. Ti chiedo una cosa sola: studia, io ti proteggerò dal cielo.

Abbraccio con il pensiero te e tutti, ricordandovi

la tua infelice mamma

Tratto da

Lettere di condannati a morte

Della

Resistenza Italiana

Einaudi Editore 1952

Mario Bettinzoli (Adriano Grossi)

È destino dei popoli che il loro cammino
verso la libertà e la giustizia sociale sia
segnato dal sangue dei suoi martiri,
forse perché questo cammino non sia smarrito,
ma chi muore per una causa giusta, vive sempre
nel cuore di chi per questa causa si batte.”

Mario Bettinzoli (Adriano Grossi)

Di anni 22 – perito industriale – nato a Brescia il 21 novembre 1921 – sottotenente di complemento di Artiglieria – catturato una prima volta nel settembre 1943 per resistenza armata a forze tedesche e condannato a morte, evade dalla cella ove è stato rinchiuso – rientra a Brescia – si unisce a Giacomo Perlasca nella organizzazione delle formazioni di Valle Sabbia – ne diventa il více-comandante ed è comandante della 3′ Compagnia preposta alla organizzazione dei campi di lancio -. Arrestato una seconda volta il 18 gennaio I944 ad opera di fascisti, in via Moretto a Brescia, mentre con il comandante Perlasca si reca al Comando Provinciale per riferire sulla situazione della zona -. Processato il 14 febbraio I944 dal Tribunale Militare tedesco di Brescia, quale organizzatore di bande armate -. Fucilato il 24 febbraio I944, presso la Caserma del 30° Reggimento Artiglieria di Brescia, con Giacomo Perlasca.

Ore 21 del 23.2-1944
Miei carissimi genitori, sorelle, fratello, nonna, zii e cugini,
il Signore ha deciso con i suoi imperscrutabili disegni, che io mi staccassi da voi tutti quando avrei potuto essere di aiuto alla famiglia.. Sia fatta la sua volontà santa. Non disperatevi, pregate piuttosto per me affinché Lo raggiunga presto e per voi affinché possiate sopportare il distacco.
Tutta la vita è una prova, io sono giunto alla fine, ora ci sarà l’esame, purtroppo ho fatto molto poco di buono: ma almeno muoio cristianamente e questo deve essere per voi un grande conforto.
Vi chiedo scusa se mi sono messo sulla pericolosa via che mi ha portato alla morte, senza chiedervi il consenso: ma spero mi perdonerete come il Signore mi ha perdonato qualche minuto fa per mezzo del suo Ministro.
Domattina prima dell’esecuzione della condanna farò la Santa Comunione e poi. Ricordatemi ai Rev.Salesiani e ai giovani di A.C. affinché preghino per me.
Ancora vi esorto a rassegnarvi alla volontà di Dio: che il pensiero della mia morte preceduta dai SS. Sacramenti vi sia di conforto per sempre.
Immagino già le lagrime di tutti quanti quando leggerete questa mia, fate che dalle vostre labbra anziché singhiozzi escano preghiere che mi daranno la salute eterna. Del resto io dall’alto pregherà per voi. Ora, carissimi, vi saluto per l’ultima volta tutti, vi abbraccio con affetto filiale e fraterno; questo abbraccio spirituale è superiore alla morte e ci unisce tutti nel Signore. Pregate!
Vostro per sempre Mario

Tratto da
Lettere di condannati a morte
Della
Resistenza Italiana

Einaudi Editore 1952

Maria Luisa Alessi

È destino dei popoli che il loro cammino
verso la libertà e la giustizia sociale sia
segnato dal sangue dei suoi martiri,
forse perché questo cammino non sia smarrito,
ma chi muore per una causa giusta, vive sempre
nel cuore di chi per questa causa si batte.”

Maria Luisa Alessi
Di anni 33, impiegata, nata a Falicetto (Cuneo) il 17 maggio del 1911.
Prima dell’8 settembre 1943 svolge attività clandestina in collegamento con il Partito Comunista italiano di Saluzzo. Nel 1944: è staffetta partigiana della 184esima Brigata «Morbiducci» operante in Val Varaita svolge numerose missioni. Catturata l’8 novembre 1944 da militi della 5^ Brigata Nera «Lidonnici», mentre si trova convalescente nella propria casa di
Cuneo. Sottoposta a ripetuti interrogatori dal Comando di Cuneo. Fucilata il 26 novembre 1944, sul piazzale della stazione di Cuneo, da militi della 5^ Brigata Nera «Lidonnici», con Pietro Fantone, Ettore Garelli, Rocco Repice e Antonio Tramontano.

Cuneo, 14 novembre 1944
Come già sarete a conoscenza, sono stata prelevata dalla Brigata Nera: mi trovo a Cuneo nelle scuole, sto bene e sono tranquilla.
Prego solo di non fare tante chiacchiere sul mio conto, e di allontanare da voi certe donne alle quali io debbo la carcerazione.
Solo questa sicurezza mi può far contenta, e sopra tutto rassegnata alla mia sorte.
Anche voi non preoccupatevi, io so essere forte.
Vi penso sempre vi sono vicino.
Tante affettuosità
Maria Luisa

Tratto da
Lettere di condannati a morte
Della
Resistenza Italiana

Einaudi Editore 1952

La resistenza a Firenze

clip_image001

La Resistenza a Firenze

N°2

Naturalmente episodi come questo della fucilazione degli ostaggi non facevano che rinfocolare la lotta, la quale continuò aspra in campagna ed in città.

Difatti — come abbiamo già notato — nei dintorni piú o meno immediati della città, in ogni zona che appena appena offrisse una qualche possibilità, si erano formati raggruppamenti partigiani. Le formazioni fluide di sol­dati sbandati e di renitenti alla leva avevano perso di con­sistenza, per l’abbandono ed il cedimento degli elementi meno consapevoli : le durezze dell’inverno e le prospettive di una guerra piú lunga del previsto aiutavano le defe­zioni. Ma intanto affluivano alle bande elementi politi­cizzati, che fuggivano dalla città perché ricercati: afflui­vano anche commissari politici, ufficiali e tecnici, inviati dal Partito comunista e da quello d’Azione. Le bande quindi, pur riducendo nell’inverno i loro effettivi, gua­dagnarono in mordente e nella serietà degli intenti.

Sorse cosí uno scambio continuo fra la campagna e la città per rifornire i raggruppamenti partigiani di viveri, ve­stiario, armi e denaro. A tale scopo si erano rimediati a Fi­renze alcuni laboratori per falsificare carte annonarie, carte d’identità ed altri documenti, mercé l’aiuto d’impiegati an­tifascisti presso la prefettura ed il comune. E l’intensificarsi di tutta questa attività causava l’intensificarsi della sorve­glianza da parte delle polizie e dei rastrellamenti : da ciò nascevano scontri quasi quotidiani con morti e feriti.

I fascisti nelle loro azioni di repressione si valevano come basi di partenza di quei paesi dove potevano contare su un nucleo organizzato di fedeli seguaci. Come ad esem­pio Montelupo, che fu il primo paese della provincia ad annoverare una sezione del Fascio repubblicano, dimostra­tasi assai attiva nella lotta antipartigiana e nella cattura dei prigionieri alleati, rifugiati nelle zone limitrofe.

Da qui la necessità per gli antifascisti d’ impedire a qualsiasi costo — anche con il terrorismo — il consolidarsi dei repubblichini nei paesi di campagna. Gli scontri fra i singoli uomini ed i gruppi armati erano ormai inevitabili e si facevano anzi di giorno in giorno piú frequenti. Il 2 dicembre sulle colline di Greve una formazione comunista, guidata da Faliero Pucci, fu improvvisamente attaccata da un reparto di fascisti supe­riori di numero, che furono però messi in fuga.Il giorno successivo la cronaca registra lo scontro fra elementi « sovversivi » e militi della « Muti », dei quali due vengono uccisi; è fra essi il pregiudicato Fanciul­lotti . Ma il primo scontro di un certo rilievo ebbe luogo a Valibona, sui monti della Calvana, nella zona dì Prato, ed ebbe come protagonista la banda capitanata da Lan­ciotto Ballerini, banda che faceva parte dì una grande for­mazione operante nella zona del Monte Morello. Questa formazione era rifornita dal P. d’A. ed in diretto contatto col suo comando militare, in modo particolare con Carlo Ragghianti.

clip_image002

Lanciotto Ballerini

(Medaglia d’Oro alla Memoria)

Lanciotto Ballerini era di Campi, faceva il macellaio. Aveva partecipato come sergente alla campagna etiopica e poi a quella di Grecia; dopo l’8 settembre, con alcuni giovani compagni si ritirò tra i boschi di Monte Morello, dando vita ad una formazione armata del Partito d’Azione. Quando la situazione di Monte Morello cominciò ad ag­gravarsi per i frequenti rastrellamenti, la banda si divise in due : i comunisti raggiunsero la loro formazione di Monte Giovi, mentre Lanciotto avrebbe dovuto raggiun­gere Pippo (Manrico Ducceschi), che, collegato anche lui al Partito d’Azione, comandava una formazione di parti­giani nell’alto pistoiese. Con Lanciotto erano rimasti à partigiani trai piú giovani, compresi anche due prigionieri russi evasi dal campo di concentramento.

Avevano fatto tappa a Valibona, dove si trattennero forse píú del necessario, dato che Lanciotto, avendo saputo l’arresto di due suoi fratelli, voleva tentare di liberarli, anche a costo di organizzare un assalto a « villa Triste ». Traditi da un fattore delle vicinanze, la notte del 3 gen- naio vennero assaliti da una colonna di circa 600 uomini’.

Sorpresi nel sonno, furono circondati nel cascinale e fu loro intimata la resa. 1 partigiani reagirono con pron­tezza : si chiusero in difesa, passarono al contrattacco ed infine tentarono la sortita. Guidati da Lanciotto, riusci­rono a rompere l’accerchiamento dalla parte della mon­tagna, nel settore tenuto dai carabinieri, i meno accaniti ed i meno entusiasti del combattimento. Ma Lanciotto, un ufficiale russo ed altri due partigiani rimasero sul terreno : gli altri riuscirono a mettersi in salvo.

Cosí fu descritta la fase culminante dello scontro da uno dei sopravvissuti, nel rapporto presentato al comando militare del P. d’A. :

… lo personalmente e tutti i superstiti ed i nemici stessi possono testimoniare il comportamento eroico di tutti. Ma la figura emer­gente è stato Ballerini Lanciotto che a testa alta, impavido, audace, temerario con una bomba per mano, inseguiva i nemici mettendoli in fuga e terrorizzandoli — sembrava un eroe leggendario — gri­dava: squadra A. a destra, fuori le mitragliepesanti; squadra B. a sinistra, fuori i mortai d’assalto; avanti contro questi vigliacchi, mettiamoli in fuga — e come un leone eccitato dal combattimento trascinava gli altri — terminate le bombe, imbracciato il moschetto, si gettava verso la mitraglia fascista che lo fulminava a dieci metri — mi trovavo a cinque metri da lui — sparavo con la rivol­tella. Un altro giovane di Sesto, Vandalo, scamiciato, come un garibaldino in piedi correva a destra e a sinistra dove si riunivano i fascisti, fulminandoli a moschettate. Sono stati tutti bravi e dovranno essere fieri di aver preso parte ad un combattimento cosí impari ed in condizioni d’inferiorità come armi, come numero e come posizione… 2. 1

Fu questa la prima battaglia sostenuta dai partigiani che ebbe una notevole risonanza nell’opinione pubblica. Molti furono i morti (sul campo, od in seguito alle ferite riportate) nelle file fasciste, composte da militi di Prato (fra questi si diceva allora che fosse presente e attivo anche il noto campione ciclista Fiorenzo Magni dal battaglione « Muti » e da alcuni reparti di carabinieri.

Né il rastrellamento operato di conseguenza su tutta la zona intorno a Firenze, compresa fra la Calvana e il Monte Morello, distrusse l’attività partigiana. Le forma­zioni disperse si riformarono in zone limitrofe un po’ piú arretrate — come ad esempio il Mugello — e nella primavera successiva passarono all’offensiva, rioccupando il territorio perduto. Comunque, al principio dell’inverno 1944 — nonostante i rastrellamenti ed il crescente rigore della stagione — era lecito affermare che in qualsiasi dire­zione uno si avviasse, poteva imbattersi, entro un breve raggio di territorio, nelle zone controllate dai partigiani.

Erano queste formazioni partigiane che assalivano i convogli dei tedeschi, che interrompevano con atti di sabo­taggio le comunicazioni ferroviarie e telefoniche, che deva­stavano i magazzini di viveri. La loro attività non rientra nei limiti di questo studio e meriterebbe una trattazione organica a parte.

Lotta partigiana a Firenze

clip_image002

La lotta Partigiana a Firenze

N°1

Fu l’azione militare dei comunisti. Costoro, non solo avevano organizzato le loro bande armate in campagna, ma avevano creato con i GAP una efficiente organizzazione terroristica in città, della quale si occu­parono soprattutto Alessandro Sinigaglia, Gino Menconi, Alvo Fontani, Elio Chianesi, Bruno Fanciullacci, Gino Tagliaferri.

Ogni GAP era formato da quattro o cinque elementi, uno dei quali era il « capo-gap », che manteneva contatti regolari e quasi quotidiani con i suoi uomini e con i dirigenti dell’organizzazione, vale a dire gli altri « capo­gap », nonché con Bruno Fanciullacci, il gappista piú audace, e con Elio Chianesi, il vero promotore e respon­sabile di tutto il gruppo.

Ogni GAP aveva una vita autonoma; i componenti, nel caso che non avessero propri mezzi di sussistenza, ricevevano uno stipendio dal partito; non conoscevano gli altri compagni dell’ organizzazione, salvo che l’impresa richiedesse la collaborazione di due GAP, cosa che avve­niva assai di rado. I gappisti venivano informati solo 24 ore prima del colpo da eseguire, studiato in anticipo, nei più minuti particolari, dai dirigenti. In certi casi erano appoggiati dalle SAP (Squadre di azione patriottica), che fungevano da « pali », da « segnalatori », reggevano la bicicletta e davano altra collaborazione di questo tipo.

A Firenze i gappisti veri e propri non superarono mai il numero di venti o di trenta al massimo. Come abbiamo visto, scontri con sparatorie e morti erano già cominciati col 15 di ottobre. L’ 11 novembre la cronaca dei giornali registra l’uccisione di quattro militi a San Godenzo di Prato e la notte stessa altri duefascisti vengono freddati a Sesto Fiorentino.

Ma la prima impresa gappìsta vera e propria (che è forse anche la prima di tutta Italia) fu l’attentato che costò la vita al ten. col. Gobbi, avvenuto la sera del 1 dicembre.

Il ten. col. Gíno Gobbi si era messo completamente a il servizio dei tedeschi ed aveva riordinato il Distretto Milire tare, affrettando il richiamo dei giovani di leva, che avrebbero dovuto servire nel ricostituito esercito fascista. sì

Per quanto concerne questa chiamata alle armi dei giovani del 1924 e del 1925, gli scrittori fascisti dicono che nell’Italia occupata dai tedeschi il numero di coloro che si erano presentati alla chiamata oscilla fra un minimo del 40% e un massimo del 98%, attribuendo questa percentuale così alta ai patriottici appelli di Grazìani e dì Gambara’. Il Ragghiantì invece nella citata lettera al Bauer, per la particolare situazione di Firenze e per i giorni in cui scriveva, dà una percentuale di presentati del 4 o del 5 % ‘. Purtroppo non si possono avere in merito cifre esatte, poiché le carte del Distretto andarono perdute e distrutte durante l’avanzata degli alleati, ma da informazioni assunte presso ufficiali e sottufficiali allora in servizio all’ufficio leva sembrerebbe che la media di coloro che si presentarono alla chiamata nella nostra città non abbia superato di molto, per l’anno 1943 – 1944, la media del 50%. C’è però da osservare che dì tutti quelli che si presentarono al Distretto solo una minima parte rag­giunse poi i reparti : la maggioranza, una volta regolata la propria posizione di fronte alle autorità distrettuali, con una scusa o con la fuga ritornava a casa, o si dava alla macchia.

Comunque i Distretto funzionava e l’aver messo in funzione l’apparato burocratico di questo ufficio merito, o demerito, del ten. col. Gobbi, il quale proprio per tale motivo, la sera del 1 dicembre, alle ore 19,30, fu ucciso con tre colpi di pistola davanti all’uscio della sua casa.

Questa prima impresa dei GAP destò un’impressione enorme nell’ambiente cittadino.

I fascisti, spaventati dall’audacia dell’azione e credendo di dovere stroncare con una vendetta indiscriminata il terrorismo rivoluzionario dei GAP, decisero di ricorrere ad un’impressionante rappresaglia. Nel corso di quella stessa notte, per iniziativa del prefetto Manganiello, si riunirono alcuni individui, che si autocostituirono in Tri­bunale Speciale. Erano costoro, oltre il Manganiello, il maggiore Carità, il gen. Adami Rossi, il luogotenente gen. della milizia Marino, il gen. dei Carabinieri Carlino, il questore Manna, l’avvocato Meschiari e qualche altro. Essi decisero, nonostante l’opposizione dei due che ab­biamo nominato per ultimi, la fucilazione immediata di 10 ostaggi da scegliersi fra i detenuti politici arrestati per misura precauzionale subito dopo l’8 settembre, allorché i tedeschi ebbero occupata la città. Ma di detenuti non ne erano rimasti che cinque, gli altri erano stati rimessi gradatamente in libertà e l’ultimo gruppetto era formato da questi infelici, che fra giorni avrebbero dovuto seguire la sorte fortunata degli altri. Anche di costoro — nell’as­senza del questore — il capo dell’ufficio politico della Questura non avrebbe voluto consegnare al Carità i fasci­coli personali, ma lo zelante dott. Zanti, con minacce lar­vate ai funzionari che opponevano ostacoli di procedura, fece si che la vicenda si risolvesse nel modo voluto da Carità.

Gli altri cinque ostaggi, che mancavano per comple­tare il numero di dieci, avrebbero dovuto essere scelti fra i membri del comando militare del C.T.L.N. già in pre­cedenza arrestati. Essi erano, secondo la richiesta di Ca­rità, Gritti, Frassineti, Barile, Mastropierro e Zoli, ma per buona sorte si trovavano già in mano alle autorità tede­sche, le quali — per la politica da loro adottata ;-prima fase dell’occupazione, che consisteva nello scaricare l’odiosità della violenza sui fascisti — con un pretesto qualsiasi si rifiutarono di consegnarli : benché la tecnica di fucilare gli ostaggi fosse di chiara marca nazista.

Cosí all’alba del 2 dicembre, nel poligono delle Ca­scine, senza nemmeno la formalità di una sentenza scritta, caddero soltanto cinque dei dieci ostaggi stabiliti. Caddero Luigi Pugi, Armando Gualtieri, Orlando Storci, Oreste Ristori, Gino Manetti. Erano anarchici e comunisti di vecchia data, reduci dalla guerra di Spagna e dai campi di concentramento francesi (i primi due si erano resi col­pevoli nel loro passato burrascoso anche di reati comuni); morirono tutti con grande coraggio ed eroismo. Mo­rirono cantando l’Internazionale. « Alcuni di loro non essendo morti subito, si contorcevano fra grida strazianti e sofferenze atroci. Allora il capomanipolo li fini, a colpi di rivoltella. Il sangue cominciò a scorrere sull’erba. Fu allora che il fratello del col. Gobbi, capitano dell’esercito repubblichino, trasfigurato dall’ira, gridò contro le vit­time: — Vigliacchi! Ringrazino Dio che sono morti alla luce del sole; mio fratello e stato ucciso stanotte, a tra­dimento, all’angolo di una strada mentre rincasava dopo avere compiuto il proprio dovere. — Dopo queste parole, alcuni militi fascisti si precipitarono contro le vittime, impugnando i moschetti ed esclamando fra bestemmie e imprecazioni: — Anch’ io voglio tirargli un colpol » ‘.

Fu proprio dopo la fucilazione degli ostaggi che il cardinale Elia Della Costa senti il bisogno ,,di rivolgere al clero e al popolo la seguente notificazione, pubblicata anche sui giornali del 5 dicembre :

Nelle affannose e trepide ore che viviamo è doveroso ufficio dei sacri Pastori rendersi portatori di pace e ministri di riconciliazione, come devono essere i vigili assertori della legge di Dio. Suppli­chiamo pertanto i sacerdoti e quanti sono costituiti in autorità ad adoperarsi perché, cessati i dissensi d’ogni genere che dividono il nostro popolo, si consegua quella interna pacificazione degli animi che è da tutti cosí intensamente desiderata.

Ogni cittadino sia esortato, anzi supplicato, ad astenersi da qualunque violenza. Mentre deve raccomandarsi umanità e rispetto verso i soldati e i Comandanti germanici, occorre avvertire che insulti, vandalismi, uso di armi contro chicchessia non solo non possono migliorare le condizioni ma le aggravano indicibilmente, perché danno origine a reazioni che in nessun modo debbono essere provocate.

Quanto alle uccisioni di arbitrio privato o a tradimento, ricor­diamo a tutti il 5° comandamento della legge: non ammazzare! e tutti scongiuriamo a riflettere che il sangue chiama sangue…

Pertanto rivolgiamo a tutti i figli dell’Archidiocesi supplice preghiera perché non rendano ancor piú triste questa triste ora della nostra storia. Se ognuno si crede sciolto da qualsiasi legge morale e civile e ritiene lecito il delitto, sarà aperta la via ai piú deplorevoli eccessi e a rovine non immaginabili

A questo punto è necessario ricordare che in genere i sacerdoti — soprattutto nelle campagne — si erano schie­rati con la Resistenza. Le belle canoniche e le belle pievi della Toscana si erano trasformate in asili per i militari sbandati e per tutti i perseguitati. Nei conventi e nei mo­nasteri si nascondevano ebrei, ricercati dalla polizia poli­tica, prigionieri alleati. Non di rado vi si raccoglievano viveri e munizioni per le bande armate; non di rado la canonica di un paesello sperduto divenne la sede di un comando partigiano.

Rarissimi in Toscana furono i seguaci di don Calca­gno, come Epaminonda Troia o come don Gregorio Bac­colini, il quale ultimo sulle colonne del foglio ufficiale della Federazione fascista scriverà parole che confermano appieno quanto sopra abbiamo affermato:

i preti dovrebbero essere inchiodati piú d’ogni altro cittadino alle proprie responsabilità. Non bisogna dimenticare che proprio essi sono i responsabili dello sbandamento morale…; sono essi che hanno influito notevolmente sul fenomeno macchia…; sono essi quindi che hanno sulla coscienza le fucilazioni esemplari che la giustizia fascista ha dovuto applicare .

Luigi Palombini–(Luigi Pucci)

È destino dei popoli che il loro cammino
verso la libertà e la giustizia sociale sia
segnato dal sangue dei suoi martiri,
forse perché questo cammino non sia smarrito,
ma chi muore per una causa giusta, vive sempre
nel cuore di chi per questa causa si batte.”

Luigi Palombini (Luigi Pucci)
Di anni 29 – meccanico – nato a Gradoli (Viterbo) il 15 febbraio 1916 -. Rientrato nel febbraio 1944 da un campo di concentramento in Germania, dove un suo fratello lasciava la vita, dopo una breve visita in famiglia si reca in Piemonte e subito si unisce alla V Divisione Alpina G.L. « Sergio Toja » operante nelle valli Germanasca e Chisone -. Catturato il 27 Febbraio 1945 mentre, nel corso di un rastrellamento ope­rato da reparti tedeschi e fascisti, tenta di portare in salvo un compagno ferito – tradotto nella caserma dei Carabinieri di Pinerolo -. Fucilato alle ore 17 del 10 marzo 1945, da plotone tedesco, con i fratelli Genre ed altri cinque partigiani.

Pinerolo, 6.3.1945
Egregi Sig.ri Malan,
non ho nessuno qui a cui scrivere, e perciò m’indirizzo a voi con la speranza che a fine guerra ne diate comunicazione alla mia famiglia della mia sorte.
Ho appreso ieri sera la mia condanna a morte. L’ho appresa sere­namente, conscio del suo significato. Sono tranquillo e calmo e spero di conservarmi tale, fino alla fine.
Vi prego salutare per me tutti i miei amici, a voi ed alla piccola Marcella un saluto particolare. Tanti saluti a Frida.
Come vi ripeto, a fine guerra, fate sapere alla mia famiglia, quella che è stata della mia sorte, ditegli che muoio rassegnato e tranquillo avendo servito con lealtà la nostra martoriata Italia.
Ancora invio i piú affettuosi saluti.
W l’Italia
Luigi Palombini

Cara mamma,
mi hanno preso prigioniero. State tranquilla presto ci rivedremo in cielo. Coraggio. Ho fatto tutto il dovere con coscienza ed abnega­zione. Baci a tutti
Luigi

Cara Anna,
ti ringrazio di tutto quello che hai fatto per me. Di coraggio ne ho molto e spero di averlo sempre. Tanti saluti
Luigi

Il coraggio ce l’ho e spero di averlo fino al momento dell’esecuzione. So come devo morire e Dio mi darà maggiore forza. Non ho da rim­proverarmi nulla, ho fatto il mio dovere per il bene del mio prossimo e dell’Italia
Pucci Luigi

Tratto da
Lettere di condannati a morte
Della
Resistenza Italiana

Einaudi Editore 1952